18 Ottobre 2019
Home / Homepage / Indicazioni organizzative per l’offerta ai 65enni della vaccinazione antipneumococcica

Indicazioni organizzative per l’offerta ai 65enni della vaccinazione antipneumococcica

Il nuovo Piano nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-19 (PNPV), recepito con DGR 427 del 05/04/2017 “Approvazione Del Piano Regionale Di Prevenzione Vaccinale 2017”, introduce a partire dal 2017 l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antipneumococcica alle persone di 65 anni di età.

Con una Circolare (in allegato a fondo pagina) la Regione Emilia – Romagna fornisce indicazioni alle Aziende Usl per l’attuazione della campagna di vaccinazione che verrà eseguita dai Medici di Medicina Generale.

“Il calendario vaccinale che garantisce la migliore protezione dalle malattie causate dallo pneumococco – viene spiegato – prevede la somministrazione di una dose di vaccino coniugato 13valente (PCV13), seguita da una successiva dose di vaccino polisaccaridico 23valente (PPSV23).

L’intervallo minimo fra le due dosi è pari a 8 settimane, ma le indicazioni aggiornate di letteratura indicano un intervallo di 1 anno per le persone senza fattori di rischio.

I vaccini contro lo pneumococco possono essere somministrati simultaneamente alla vaccinazione antinfluenzale (che rappresenta in tal caso una occasione opportuna); la campagna antinfluenzale quest’anno inizierà il 6 novembre. In questo caso i due vaccini andranno somministrati in sedi separate, nel muscolo deltoide delle due braccia.

Si evidenzia che mentre la vaccinazione antiinfluenzale deve essere ripetuta ogni stagione, quella anti-pneumococcica viene somministrata, secondo le attuali indicazioni scientifiche in dose singola una sola volta nella vita.

Nel caso che la persona abbia già ricevuto una dose di PPSV23 in precedenza, dovrà attendere almeno 1 anno per eseguire il PCV13.

È prevista una seconda dose di PPSV23 dopo 5 anni dalla prima solamente nelle seguenti patologie ad alto rischio: asplenia chirurgica o funzionale (compresa l’anemia a cellule falciformi), infezione da HIV, nefropatia cronica e/o sindrome nefrosica”.

La circolare

Allegato 1

Allegato 2

Forse cercavi

Nota AIFA su Picato (ingenolo mebutato): usare con cautela nei pazienti con anamnesi di cancro della pelle

La FNOMCeO segnala la nota informativa diffusa dall’Agenzia Italiana del Farmaco (in allegato) sul medicinale …