14 novembre 2018
Home / News / OMCeO Piacenza: alla vigilanza sulle strutture sanitarie si aggiunge quella sui professionisti

OMCeO Piacenza: alla vigilanza sulle strutture sanitarie si aggiunge quella sui professionisti

L’attività di vigilanza e controllo sulle strutture mediche e odontoiatriche del territorio portata avanti negli ultimi mesi dall’OMCeO Piacenza sarà ora estesa anche ai professionisti che esercitano attività sanitarie all’interno dei propri studi professionali.

La decisione è stata presa all’unanimità dal Consiglio direttivo dell’Ordine nella riunione del 16 ottobre (in allegato a fondo pagina il documento integrale), e presentata agli organi di informazione in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il Presidente Augusto Pagani e il Presidente della Commissione Albo Odontontoiatri Marco Zuffi, che hanno illustrato i risultati dell’imponente campagna di monitoraggio avviata lo scorso anno e proseguita a maggio con una seconda fase.

L’attività, “unica in Italia e di cui siamo molto soddisfatti e orgogliosi”, ha riguardato in particolare la figura del direttore sanitario e i contenuti informativi e pubblicitari diffusi dalle strutture in forma cartacea, video o sul web, con l’invio da parte della segreteria di 122 richieste di informazioni.

Fino ad oggi si è proceduto alla verifica di 49 strutture mediche e di 26 odontoiatriche, con la contestazione ai rispettivi Direttori sanitari di un certo numero di irregolarità deontologiche e la segnalazione all’autorità competente (in questo caso i rispettivi Comuni) di 3 strutture odontoiatriche per la mancata indicazione del direttore sanitario sul materiale informativo e pubblicitario, tema quest’ultimo oggetto di un recente pronunciamento anche da parte del Consiglio di Stato.

“E’ necessario – hanno evidenziato Pagani e Zuffi – che tutte le strutture sanitarie abbiano una direzione sanitaria effettivamente realizzata nei fatti e comunicata all’Ordine per le opportune verifiche”. Dodici i direttori sanitari delle varie strutture, ascoltati in prima persona da Pagani e Zuffi: colloqui che hanno sempre portato ad una regolarizzazione dei contenuti informativi e pubblicitari.

Tutti coloro che non hanno invece risposto all’ultima lettera, inviata alla fine di maggio, verranno ricontattati chiedendo di fornire entro due settimane le informazioni richieste: chi non risponderà verrà convocato in audizione per valutare i motivi del ritardo ed eventualmente l’apertura di un procedimento disciplinare. L’Ordine provinciale ha poi in programma un incontro con tutti i Direttori sanitari il prossimo 27 novembre alle ore 21 all’hotel Ovest di Piacenza “per dare informazioni e ascoltare le loro richieste”.

L’attività di controllo, come detto, verrà ora ampliata anche alle altre professioni sanitarie. “Abbiamo ricevuto alcune segnalazioni dai nostri iscritti – hanno evidenziato Pagani e Zuffi – di sospetti casi di abuso della professione medica: da parte nostra non vogliamo altro che il rispetto della legge nell’interesse della salute pubblica, affinchè ciascuno si prenda le proprie responsabilità e renda conto delle proprie competenze”.

“Al medico ed all’odontoiatra, ad esempio, è riservata la facoltà di fare diagnosi e prescrivere accertamenti, farmaci o diete; tutti gli altri sanitari possono praticare la loro professione eseguendo attività tecniche o manuali o intellettuali di supporto e finalizzazione di una prescrizione medica: chi si pone al di fuori della legge si espone ad una denuncia per esercizio abusivo della professione medica”.

“Porteremo avanti questa iniziativa in maniera serena – hanno concluso – nell’interesse dei cittadini e dei professionisti seri e corretti – che sono la maggioranza -, senza intenti punitivi e con la collaborazione dei rispettivi Ordini, ma senza più tollerare esercizi professionali che non siano correlati alle competenze e alle responsabilità realmente acquisite: ciascuno deve operare in funzione del percorso formativo che ha seguito”.

IL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

 

Rassegna stampa

L’Ordine dei medici: nel mirino 3 studi odontoiatrici irregolari – Da Libertà del 19 ottobre 2018, a firma di Simona Segalini

Manca il nome del direttore sanitario, l’Ordine segnala tre strutture odontoiatriche – Da PiacenzaSera.it del 18 ottobre 2018

L’Ordine dei Medici: «Segnalate tre strutture odontoiatriche in cui manca il nome del direttore sanitario» – Da IlPiacenza.it del 18 ottobre 2018

Manca il nome del direttore sanitario: segnalate tre strutture – Da Libertà.it del 18 ottobre 2018

Forse cercavi

Entro il 31 dicembre 2018 il recupero dei crediti ECM mancanti per il triennio 2014/2016

Ricordiamo a tutti gli iscritti che la Commissione Nazionale per la Formazione Continua ha stabilito …