16 agosto 2018
Home / Homepage / Nuovo nodo per la rete delle Cure palliative: un ambulatorio in ospedale per pazienti autosufficienti

Nuovo nodo per la rete delle Cure palliative: un ambulatorio in ospedale per pazienti autosufficienti

La Rete locale di Cure palliative, già composta da tre nodi (hospice di Piacenza e Borgonovo, ospedale e cure domicillari), si arricchisce di un nuovo nodo, quello ambulatoriale per i pazienti autosufficienti. Il servizio, che si colloca all’interno dell’ospedale di Piacenza, è stato presentato venerdì 25 maggio in occasione della XVII Giornata nazionale del Sollievo.

“Affetti da malattie croniche in fase avanzata, oncologiche e non – ricorda Raffaella Bertè, direttore della Rete Locale di Cure palliative dell’Ausl di Piacenza richiedono una presa in carica medic:a, infermieristica, psicologica, sociale e riabilitativa volta al mantenimento della migliore qualità di vita possibile. Si tratta dipersone fragili, soprattutto anziani, con malattie progressive, irreversibili, a prognosi infausta e con bisogni complessi: presentano una forte compromissione di tutte le dimensioni della qualità della vita”. In particolare, si tratta di pazienti con patologie progressive, neoplastiche e non, malattie del sistema cardio-vascolare, dell’apparato respiratorio o del sistema nervoso (SLA, sclerosi multipla, demenza).

Lo sviluppo delle Cure palliative a Piacenza – L’unità operativa di Cure palliative è nata nel maggio 2011 all’intemo del dipartimento di Oncoematologia e, successivamente, ha focalizzato la propria attività prevalentemente al territorio consolidando la collaborazione con i medici di famiglia. Nel luglio 2016 tale sinergia ha sostenuto la creazione dell’unita di Cure palliative Domiciliari composta da una equipe dedicata: un medico, un infermiere e uno psicologo. Essa affianca gli altri due nodi della Rete locale di Cure palliative: hospice e ospedale.

Il progetto domiciliare è nato dalla sinergia tra Ausl di Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano e Ordine dei Medici di Piacenza: nel 2017 i pazienti segnalati alla rete di Cure palliative sono stati 763, di cui 488 ricoverati nei due hospice territoriali. L’equipe di Cure palliative domiciliari ha effettuato 207 consulenze a domicilio richieste dal medici di famiglia.

Il nuovo ambulatorio Cure palliative – A completare la rete, ecco l’ultimo nodo, quello ambulatoriale dedicato a pazienti affetti da malattie progressive in grado di accedere autonomamente al servizio. L’attività è garantita da medici specialisti palliativisti che operano nei nodi della rete di cure palliative. Presso l’ambulatorio è possibile l’avvio precoce di cure palliative garantendo un graduate passaggio dalla fase di cura attiva alle cure palliative.

L’ambutatorio è collocato nel nucleo anticos dell’ospedale di Piacenza, nello spazio contiguo alla nuova Diabetologia, che fino al 2016 ospitava il day hospital di Oncologia. Vi si accede dall’atrio di via Taverna 49. La Fondazione di Piacenza e Vigevano ha contribuito a rendere accoglienti e confortevoli gli ambienti, attraverso l’acquisto degli arredi.

“Il nuovo servizio ambulatoriale – evidenzia il Presidente dell’OMCeO Piacenza Augusto Pagani, intervenuto alla presentazione – va a completare le attività della Rete di Cure Palliative e mette a disposizione dei piacentini una ulteriore eccellenza sul territorio, integrando e affiancando l’attività, già apprezzata dai cittadini, dell’équipe della Terapia del dolore diretta dal dottor Fabrizio Micheli”.

Forse cercavi

Decreto 25 giugno 2018: medicinali a base di cannabis nell’allegato III-bis per la terapia del dolore

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 160 del 12 luglio 2018 il Decreto del …