12 Agosto 2022

Nuovo Coronavirus, le indicazioni per i medici

In relazione alla diffusione, anche nel nostro Paese, del coronavirus 2019-nCoV riportiamo alcune indicazioni fornite dall’Ausl di Piacenza sui comportamenti da tenere da parte dei Medici di Medicina Generale, dei Pediatri di Libera Scelta e dei Medici di Continuità Assistenziale.

Nel caso si presenti o telefoni un paziente con malattia respiratoria acuta febbrile occorre verificare l’eventuale esposizione al contagio nelle ultime due settimane e precisamente: storia di viaggi o permanenza in aree a rischio; contatto stretto con un caso probabile o confermato di coronavirus. In caso di presenza di almeno uno dei criteri sopraindicati occorre valutare la gravita della sintomatologia.

Nel caso di richiesta di informazioni sui comportamenti da tenere – viene spiegato – l’atteggiamento corretto è quello di tranquillizzare l’utente raccogliendo una anamnesi dettagliata che indaghi eventuali sintomi, possibile contatto con persone che abbiano soggiornato in Cina o in aree a rischio fino quindici giorni prima, evidenziare il concetto dell’accurato e costante lavaggio delle mani; fornire in caso questo non sia sufficiente il contatto del Dipartimento di Sanità Pubblica (0523 317830) che si sta attrezzando per fornire informazioni, utilizzabile dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 18.

Il Ministero della Salute ha poi attivato un numero di pubblica utilità, il 1500, disponibile 24 ore su 24, con presenza di personale medico e infermieristico appositamente formato sul coronavirus 2019-nCoV.

Nel caso di segnalazione o richiesta visite per sindromi febbrili con sintomi respiratori:

– Approfondire l’anamnesi per indagare se siano riferiti contatti con i casi indice o con persone che abbiano soggiornato in Cina nei 15 giorni precedenti

– Contattare il Dipartimento di Sanità Pubblica al numero 0523317930 dalle 8 alle 18 dei giorni feriali dal lunedi e venerdi, o il CTU (0523 303900) dalle 18 alle 8 di tutti i giorni feriali dal lunedi al venerdi e dalle 8 del sabato alle 8 del lunedi.

– Non inviare in Pronto Soccorso

– In caso di presenza di sintomi severi contattare direttamente il 118 che provvederà ad attivare un trasporto protetto (senza passare dal Pronto Soccorso)

– In caso di sintomi lievi mantenere il paziente in isolamento domiciliare e contattare il Dipartimento di Sanità Pubblica per il monitoraggio del caso

LE CIRCOLARI MINISTERIALI

I CONSIGLI AI VIAGGIATORI DI RITORNO DA AREE A RISCHIO

DIECI COMPORTAMENTI DA SEGUIRE

Forse cercavi

Chiarimenti su obbligo formativo ECM in materia di radioprotezione – Nota Ministero Salute

La FNOMCeO trasmette una nota del Ministero della Salute in riscontro alla richiesta formulata dalla …