21 Ottobre 2019
Home / News / Morire per amore del prossimo e rispetto dell’etica professionale

Morire per amore del prossimo e rispetto dell’etica professionale

Mentre discutiamo se mantenere nel nostro Codice deontologico il termine “paziente” o sostituirlo con “persona assistita” una collega, Eleonora Cantamessa, ginecologa, 44 anni, è stata uccisa in strada, mentre prestava soccorso ad una persona gravemente ferita a colpi di spranga. 

Passava di lì per caso e non conosceva le persone coinvolte nella rissa, ma non ha esitato a fermarsi per aiutare il ferito, per fare quello che la sua coscienza e l’etica professionale Le hanno “imposto”.

Un’altra collega, Paola Labriola, psichiatra, 53 anni, la scorsa settimana è stata accoltellata ed uccisa per strada da un suo “paziente” o “persona assistita”. 

Un collega, Claudio Carosino, medico di famiglia, 59 anni, è stato ucciso da un suo “paziente” o “persona assistita” che era andato a visitare a domicilio una domenica di ottobre 2010.

Atti generosi ed eroici, meravigliosi e tragici esempi di etica che dovrebbero indurre tutti a riflettere sul valore delle azioni e dei valori che le ispirano. 

Grazie Eleonora, grazie Paola, grazie Claudio, grazie per averci richiamati alla realtà ed indicato la via.

Augusto Pagani, Presidente OMCeO Piacenza

Forse cercavi

Prevenzione e controllo dell’influenza – Raccomandazioni per la stagione 2019 – 2020

Con una circolare (in allegato a fondo pagina) la Regione Emilia – Romagna fornisce le …