12 Agosto 2022

Medici competenti: avviata la procedura di cancellazione per i professionisti che non hanno comunicato la partecipazione al programma Ecm

Il Ministero della Salute ha avviato le procedure per la cancellazione dall’Elenco Nazionale Medici competenti, di circa 5.000 sanitari che non hanno provveduto a trasmettere la certificazione o l’autocertificazione dell’avvenuta partecipazione al programma Ecm 2011-2013, necessaria per poter svolgere le funzioni di medico competente.

La revisione dell’elenco nazionale, come spiegato in una nota del Ministero, si è chiusa il 31 marzo 2015. Verranno depennati i nominativi dei sanitari che, non avendo acquisito i crediti previsti (di cui almeno il 70% in discipline afferenti all’area della medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro) ricadono nell’ambito dell’art.2 del D.M. 4 marzo 2009.

Potranno ancora essere prese in considerazione da parte dell’Ufficio II della D.G. della prevenzione sanitaria le certificazioni o autocertificazioni pervenute prima dell’aggiornamento dell’elenco. Le domande dovranno essere indirizzate all’indirizzo PEC medicicompetenti@postacert.sanita.it.

Lo stesso Ministero della Salute precisa che “si invitano i medici competenti che hanno regolarmente partecipato al programma di aggiornamento continuo in medicina 2011-2013 a segnalare eventuali cancellazioni per omessa trasmissione o disguidi nella ricezione delle relative certificazioni o autocertificazioni ECM all’indirizzo di posta certificata: medicicompetenti@postacert.sanita.it, per il reinserimento del proprio nominativo in elenco”.

Il Ministero della Salute contattato dalla FNOMCeO ha precisato che coloro che sono stati depennati per non aver inviato l’autocertificazione potranno provvedere ad inviarla per poter essere inseriti nell’elenco nazionale che sarà aggiornato settimanalmente.

Forse cercavi

Vaiolo delle scimmie: aggiornamenti sulla definizione di caso, segnalazione, tracciamento dei contatti e gestione dei casi

Vaiolo delle scimmie, il Ministero della Salute ha pubblicato una nuova circolare – condivisa con …