22 giugno 2018
Home / Homepage / Il professor Luigi Cavanna tra i revisori per il prestigioso British Medical Journal

Il professor Luigi Cavanna tra i revisori per il prestigioso British Medical Journal

Nel corso dell’ultimo anno il professor Luigi Cavanna, direttore del Dipartimento di Oncologia-Ematologia dell’Ospedale di Piacenza, è entrato a far parte del gruppo di revisori per il British Medical Journal, prestigiosa rivista di medicina generale pubblicata nel Regno Unito e considerata una delle quattro più autorevoli a livello internazionale.

Il “peer review” è il processo di revisione dei lavori scientifici utilizzato dalle riviste specialistiche come fondamentale criterio per la pubblicazione degli articoli. Un compito delicato e di responsabilità, affidato alla figura del revisore: “In sintesi – ci spiega il professor Cavanna – “facciamo le pulci” alle ricerche, dando un nostro giudizio; presentiamo le nostre osservazioni e critiche, chiedendo spiegazioni e approfondimenti sugli aspetti dei lavori che non ci convincono, o eventuali modifiche. Sulla base dei commenti dei revisori l’autore può revisionare il proprio manoscritto per una nuova valutazione”.  

Cavanna già da tempo collabora, sempre con il ruolo di revisore, con altre importanti riviste; una decina i lavori di ricerca che ogni anno si trova ad analizzare: “Veniamo selezionati sulla base della nostra esperienza nelle varie discipline e dei nostri studi e pubblicazioni; almeno due sono i revisori per ciascuna ricerca, che restano solitamente anonimi agli autori e lavorano in modo indipendente”.

Un incarico impegnativo (non retribuito), ma di grande soddisfazione professionale: “Si impara sempre qualcosa – sottolinea Cavanna – e soprattutto si ha l’opportunità di leggere numerosi studi significativi prima della loro effettiva pubblicazione”.

Forse cercavi

Pubblicità senza il nome del direttore sanitario, Consiglio di Stato conferma sospensione autorizzazione Centro odontoiatrico

Il Consiglio di Stato (sentenza n° 3467/2018, pubblicata l’8 giugno 2018) ha confermato la sospensione dell’autorizzazione …