28 Settembre 2022

Giacomo Biasucci nominato professore associato. La Pediatria di Piacenza diventa reparto universitario

Giacomo Biasucci, direttore del dipartimento Materno infantile dell’Ausl di Piacenza, è diventato nei giorni scorsi Professore associato dell’Università di Parma. In questo modo, il reparto di Pediatria e Neonatologia da lui diretto diventa parte integrante dell’ateneo. Prosegue quindi a pieno regime l’integrazione tra l’Azienda e l’Università di Parma, con l’obiettivo di “clinicizzare” (questo il termine tecnico) le unità operative, ovvero creare all’interno degli ospedali piacentini le sedi per lo svolgimento delle attività didattiche. Questo percorso prosegue in parallelo con l’attivazione del nuovo corso di Laurea in Medicine and Surgery in lingua inglese, partito nell’autunno 2021 a Piacenza.

“Ho trascorso gli anni della formazione e del primo periodo professionale in una clinica universitaria di Milano e ho sempre avuto il desiderio di proseguire a lavorare nell’ambiente universitario, con il quale ho mantenuto i contatti – spiega il prof. Biasucci, che due anni fa ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale come professore di seconda fascia -: questo incarico è quindi motivo di grande soddisfazione e gratificazione personale, che vorrei però estendere ai miei collaboratori, medici e infermieri, che hanno contribuito attivamente e fattivamente affinchè il nostro reparto fosse definito e identificato come sede ulteriore dell’Università di Parma. In reparto al momento già riceviamo cinque specializzandi che si alternano ogni tre mesi, il nostro obiettivo è di aumentare questo numero: seguire questi giovani colleghi è un’esperienza stimolante e gratificante, che contribuisce ad accrescere la qualità della formazione e della ricerca. E a beneficarne saranno i piccoli pazienti, che potranno contare su un’assistenza di alto livello dal punto di vista diagnostico e terapeutico”.

Biasucci è primario di Pediatria a Piacenza dal 1999, incarico assunto a soli 38 anni: “Il lavoro in questi anni è cambiato in maniera radicale – sottolinea -: ho sempre potuto contare sull’appoggio della direzione generale e sanitaria dell’azienda per tutti gli step che nel corso del tempo ho proposto, sia in termini di ampliamento del personale in organico, che di strumentazioni e della possibilità di supportare i miei collaboratori in una formazione sempre più avanzata: oggi posso contare su un gruppo di professionisti le cui competenze ci consentono di coprire quasi tutte le sotto-specialità pediatriche. Come reparto siamo stati riconosciuti quale punto di riferimento regionale per almeno due grandi aree di interesse assistenziale, una nell’ambito delle malattie metaboliche ereditarie, l’altra per quanto riguarda i disturbi del comportamento alimentare, che sono in drammatico aumento. E anche nell’ambito della neonatologia oggi siamo in grado di assistere a Piacenza con ottime competenze neonati prematuri di 1000 grammi di peso, di 30-31 settimane”.

Nella foto (fonte Ausl Piacenza), il prof Biasucci, a destra, insieme al direttore generale dell’azienda sanitaria Bardasi e al direttore sanitario Magnacavallo

Forse cercavi

Coronavirus, aggiornamenti e monitoraggio della situazione

Pubblichiamo in questa pagina gli aggiornamenti relativi all’emergenza Coronavirus, in particolare in Emilia Romagna e …