20 Settembre 2019
Home / Homepage / Formazione specifica in Medicina Generale, Piacenza diventa sede del Corso triennale

Formazione specifica in Medicina Generale, Piacenza diventa sede del Corso triennale

Piacenza diventa sede del Corso triennale di formazione specifica in Medicina generale. A partire dal 2 aprile la nostra città ospiterà ogni anno una classe di 26 studenti che aspirano a diventare medici di famiglia.

La Regione Emilia Romagna, responsabile di questa formazione post laurea, ha identificato Piacenza insieme ad altre cinque città (Reggio Emilia, Modena, Bologna, Cesena e Ferrara) per le attivita didattiche seminariali e per quelle formative di natura pratica.

Il corso è stato presentato ufficialmente venerdì 29 marzo, alla Sala Colonne dell’ospedale, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il direttore generale Ausl Piacenza Luca Baldino, Anna Maria Andena, referente del progetto per l’Ausl di Piacenza, Augusto Pagani, presidente dell’Ordine dei Medici di Piacenza, insieme al vice sindaco del Comune di Piacenza Elena Baio, alla presidente della Conferenza territoriale socio sanitaria Patrizia Calza, e alla consigliera provinciale Paola Galvani.

II Corso triennale di formazione specifica in Medicina generale è la tappa obbligatoria post laurea per intraprendere la professione di medico di famiglia per chi ha conseguito il titolo universitario dopo il 1991. Si tratta di un percorso impegnativo, strutturato su tre anni, che prevede la frequenza obbligatoria.

I 26 studenti del primo anno di Corso non arrivano solo dal piacentino: sono presenti medici da tutte le città dell’Emilia Romagna – da Rimini a Parma – e non mancano anche partecipazioni extra regionali. Al termine i medici potranno iscriversi alle graduatorie per la copertura delle zone carenti del territorio; il titolo conseguito offre anche l’opportunità di andare a lavorare all’estero.

“La scelta della Regione – evidenzia il Direttore Generale Ausl Luca Baldino – ci rende molto orgogliosi. Metteremo a disposizione i nostri professionisti e le nostre unità operative, in ospedale e sul territorio, per far sì che i futuri medici di famiglia possano avere efficaci opportunità di apprendimento professionale”.

Il presidente dell’OMCeO Piacenza Augusto Pagani ha posto l’accento sulla “necessità di affrontare e gestire in modo unitario e responsabile le difficoltà provocate dalla carenza di medici: una situazione non solamente locale o regionale, che inevitabilmente comporterà qualche disagio o rinuncia per i cittadini. Dobbiamo cercare di creare le migliori condizioni possibili per trattenere i nostri giovani medici”.

IL PROGRAMMA – “Nei 36 mesi di formazione – dettaglia la dottoressa Anna Maria Andena – i medici frequenteranno 4800 ore di attività, tra conferenze seminariali (1600) e tirocini di tipo pratico (3200)”.

Le lezioni teoriche si svolgeranno nel campus del Gruppo Crédit Agricole Italia di via San Bartolomeo. I contenuti riguardano la medicina, l’area materno infantile, l’ostetricia e la ginecologia, la medicina preventiva (consultori, igiene ambientale, medicina del lavoro, igiene e profilassi, etc.), l’attività medica guidata ambulatoriale e domiciliare e l’attività mirata all’acquisizione di tecniche diagnostico terapeutiche.

I tutor Ausl sono gia stati individuati e a maggio ne verranno reclutati altri, grazie all’avvio di un corso di formazione dedicato e rivolto ai medici ospedalieri e a quelli di famiglia.

Le attività didattiche di tipo pratico si svolgeranno negli ospedali della provincia, nelle sedi territoriali, tra cui le Case della Salute, e negli studi dei medici di famiglia. Quest’ultima parte di tirocinio è quella chiaramente prevalente (1064 ore su 3200).

Foto dalla pagina Facebook dell’Ausl Piacenza

 

 

I medici di famiglia nascono qui, ventisei ogni anno sperando che restino – Da Libertà del 30 marzo 2019, a firma di Federico Frighi

“Il 40% dei dottori in pensione nei prossimi quattro anni”. Al via corso per medici di famiglia – Da Libertà.it del 29 marzo 2019

Futuri medici di famiglia a Piacenza “Carenza problema che va affrontato a tutti i livelli” – Da PiacenzaSera.it del 29 marzo 2019

Medici di famiglia, a Piacenza la formazione dei neolaureati: “Orgoglio per la città” – Da Piacenza24 del 29 marzo 2019

Forse cercavi

La parola dei Giudici: Intervento chirurgico d’équipe e responsabilità penale dei singoli operatori

Pubblichiamo il secondo contributo dell’avvocato Elisabetta Soavi, che, nell’ambito della collaborazione avviata con l’OMCeO Piacenza, …