18 Ottobre 2019
Home / Homepage / 2 / Certificato medico di gravidanza: invio telematico

Certificato medico di gravidanza: invio telematico

Ricordiamo che a partire dal 5 agosto 2017 è fatto obbligo ai medici dipendenti del servizio Sanitario Nazionale e a quelli convenzionati dell’invio telematico all’INPS dei certificati di gravidanza e/o di interruzione di gravidanza. Non possono quindi più essere accettati i certificati presentati con altra procedura, né quelli cartacei.

L’istituto di Previdenza, come spiegato da una propria circolare, ha predisposto per l’invio un’apposita applicazione all’interno dell’area informatica già utilizzata dai medici certificatori, che potranno utilizzare anche per l’invio dei certificati di gravidanza o di interruzione di gravidanza le credenziali già in loro possesso per la trasmissione dei certificati.

In caso di certificato di gravidanza devono essere indicati: le generalità della lavoratrice; la settimana di gestazione alla data della visita; la data presunta del parto. In caso di certificato di interruzione della gravidanza devono essere indicati: le generalità della lavoratrice; la settimana di gestazione alla data della visita;la data presunta del parto; la data di interruzione della gravidanza.

I certificati trasmessi saranno consultabili dall’istituto, ai fini dell’erogazione dei benefici assistenziali e previdenziali, dai datori di lavoro con le medesime modalità di consultazione già previste per i certificati di malattia e dalla lavoratrice interessata, che dovrà però essere in possesso di pin e del numero di protocollo del certificato.

La trasmissione telematica dei certificati di gravidanza o di interruzione di gravidanza esime la lavoratrice dalla consegna del certificato cartaceo presso le sedi INPS e al datore di lavoro. Il medico, spiega la circolare, deve rilasciare alla lavoratrice il numero univoco di certificato assegnato dal sistema, potendo eventualmente fornire alla stessa anche una copia cartacea dei suddetti certificati e delle rispettive attestazioni, prive della settimana di gestazione alla data della visita.

Le certificazioni telematiche potranno essere annullate sempre in via telematica ad opera del medico certificatore entro la mezzanotte del giorno successivo alla data di trasmissione.

Per tutte le informazioni: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=50909

Forse cercavi

Nota AIFA su Picato (ingenolo mebutato): usare con cautela nei pazienti con anamnesi di cancro della pelle

La FNOMCeO segnala la nota informativa diffusa dall’Agenzia Italiana del Farmaco (in allegato) sul medicinale …