22 Ottobre 2019
Home / Homepage / Biologia con curvatura biomedica, nuovo percorso di studi al liceo Gioia. Collaborazione con l’OMCeO Piacenza

Biologia con curvatura biomedica, nuovo percorso di studi al liceo Gioia. Collaborazione con l’OMCeO Piacenza

Il Liceo “Melchiorre Gioia” di Piacenza è tra le 69 scuole italiane individuate dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per l’attivazione del percorso di “Biologia con curvatura biomedica”, che partirà dal prossimo anno scolastico 2019/2020.

L’Istituto scolastico cittadino ha risposto al bando indetto dal Miur dedicato ad un percorso di studio che si sta ormai espandendo in tutta Italia grazie al Protocollo d’Intesa per promuoverne la diffusione siglato nel 2017 tra lo stesso Ministero e la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. L’obiettivo è quello di “favorire l’acquisizione di competenze in campo biologico, grazie anche all’adozione di pratiche didattiche attente alla dimensione laboratoriale, e di orientare studentesse e studenti che nutrono un particolare interesse per la prosecuzione degli studi in ambito chimico-biologico e sanitario”.

Il percorso di potenziamento-orientamento, che anche a Piacenza potrà contare sulla stretta collaborazione dell’Ordine dei Medici provinciale, avrà durata triennale (per un totale di 150 ore) a partire dal terzo anno del corso di studi; il monte ore annuale sarà di 50 ore, di cui 40 presso i laboratori degli Istituti, con la formula dell’impresa formativa simulata, e 10 presso le strutture sanitarie individuate dagli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Provinciali, in modalità di alternanza scuola-lavoro. Le 40 ore da svolgere negli Istituti saranno suddivise in 20 ore tenute da docenti di scienze e altrettante da esperti medici individuati dai relativi Ordini dei Medici.

“E’ una bella opportunità, unica a livello provinciale, che offriamo ai nostri studenti – sottolinea il dirigente scolastico del Liceo “Gioia” Mario Magnelli -, oltretutto in un ambito per il quale riteniamo ci sia un forte interesse. In tutto sono circa 230 i ragazzi al terzo anno, degli indirizzi classico e scientifico, potenziali destinatari di questo percorso di studi che verrà proposto come attività extracurricolare da svolgersi al di fuori del normale orario scolastico. Ora ci muoveremo per raccogliere le adesioni, in base alle quali andremo a costituire dei gruppi classe, e definire tutti gli aspetti organizzativi e pratici grazie alla collaborazione con l’Ordine dei Medici di Piacenza che ha dato la propria disponibilità”.

“Il Consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici di Piacenza – spiega il Presidente Augusto Pagani – ha deciso di aderire a questa bella iniziativa per offrire anche ai giovani piacentini la possibilità di avvicinarsi allo studio della biologia e della medicina in modo nuovo e stimolante, che ci auguriamo sia propedeutico ad un loro interesse per le professioni sanitarie. In un periodo di carenza di medici e di infermieri ci piace pensare che anche questo sia un contributo offerto alla nostra comunità”.

Forse cercavi

La parola dei Giudici: quando l’uso del defibrillatore può fondare una responsabilità penale del medico

Pubblichiamo il terzo contributo dell’avvocato Elisabetta Soavi, che, nell’ambito della collaborazione avviata con l’OMCeO Piacenza, …