12 Agosto 2022

Ausl Piacenza – Screening gratuito Epatite C

Screening gratuito per l’Epatite C: in attesa dell’avvio a pieno regime della campagna, a Piacenza le persone nate nel 1969 (residenti o domiciliate) che hanno già prenotato esami ematici al Centro Prelievi del Laboratorio Analisi sono invitate, tramite SMS, a sottoporsi allo screening. 
Il test si esegue quindi insieme agli esami già programmati, senza dover fare un ulteriore prelievo; l’esito è comunicato dopo almeno 30 giorni all’indirizzo di residenza o domicilio fornito dall’utente in sede di prenotazione.

Per i cittadini è stato messo a disposizione un indirizzo mail dedicato screeningepatitec@ausl.pc.it.

LA LOCANDINA CON LE INFORMAZIONI

L’epatite C è una malattia infiammatoria del fegato causata dal virus dell’epatite C (HCV, acronimo dell’inglese Hepatitis C Virus) che, in tutto il mondo, rappresenta una delle principali cause dello sviluppo di malattie croniche del fegato come, per esempio, l’epatite cronica, la cirrosi epatica e il cancro del fegato. L’infezione si trasmette principalmente attraverso il sangue e molto meno frequentemente per via sessuale. I principali mezzi di contagio di sangue infetto sono aghi e siringhe riutilizzate e vari strumenti contaminati dal virus, con cui sono stati praticati piercing, tatuaggi, agopuntura o interventi odontoiatrici negli anni in cui non si prestava ancora particolare attenzione alla corretta sterilizzazione delle apparecchiature.

L’infezione acuta da HCV (quella conseguente al primo incontro con il virus) è molto spesso di lieve entità e non causa disturbi (sintomi) ma tende a persistere nell’organismo, diventando cronica nel 50-80% delle persone infettate. I sintomi, infatti, possono manifestarsi dopo diversi anni dal contagio a causa dello sviluppo di una malattia epatica cronica o di altre complicazioni in altri organi (manifestazioni extraepatiche dell’epatite C). La cura dell’epatite C ha fatto notevoli progressi negli ultimi anni grazie all’introduzione di nuove terapie: esistono infatti farmaci innovativi che permettono la guarigione in più del 95% dei pazienti, inoltre nuovi farmaci in arrivo presentano percentuali di successo terapeutico sempre più vicine al 100%. Lo screening serve per poter effettuare una diagnosi precoce ed intervenire tempestivamente contro questa infezione con una terapia efficace, in modo da sconfiggere la malattia ancor prima della comparsa dei sintomi.

Forse cercavi

Chiarimenti su obbligo formativo ECM in materia di radioprotezione – Nota Ministero Salute

La FNOMCeO trasmette una nota del Ministero della Salute in riscontro alla richiesta formulata dalla …